>Home
DOCUMENTI
 
  Dividendo straordinario di Asm
Signora Presidente, Colleghi consiglieri
ci accingiamo oggi a compiere un ulteriore, significativo, passaggio che si inserisce nel solco della buona amministrazione pubblica, com’è storicamente nella tradizione della nostra città, del corretto e trasparente rapporto che deve intercorrere tra ente pubblico e cittadini e che dimostra, senza smentite di sorta, la coesione, l’unità di intenti e la grande lungimiranza della coalizione di centro sinistra che governa Brescia.
Un atto che dimostra l’attitudine virtuosa della maggioranza che governa Palazzo Loggia a guardare al futuro dei propri concittadini, al loro benessere e alla loro sicurezza sociale, garantendo – attraverso bilanci sani che il dividendo straordinario Asm permette di consolidare e rafforzare ulteriormente – anche per il futuro l’elevata qualità dei servizi erogati alla comunità, alla famiglia, alla persona che è riconosciuta a livello nazionale e che altri, non certo il centro sinistra, stanno smantellando. Un’attitudine virtuosa cui anche istituti prestigiosi, come l’Università di Castellanza, hanno riconosciuto un livello di eccellenza, tanto in termini di autonomia finanziaria quanto di solidità del bilancio e propensione agli investimenti.
Un atto che smentisce – clamorosamente – le illazioni gratuite di molti esponenti della Casa delle Libertà, che avevano accusato la Giunta comunale e la maggioranza di volere utilizzare il dividendo straordinario Asm di 53,9 milioni di euro – pari a circa 105 miliardi di vecchie lire – per fini elettorali e propagandistici: così non è stato, come non è mai stato nelle intenzioni, e quanti hanno parlato a sproposito – se disponessero di onestà intellettuale – farebbero meglio a fare pubblica ammenda dei propri sproloqui. Ad altri, non a questa maggioranza, appartiene il costume – anzi il malcostume – di impiegare i soldi dei cittadini per fare propaganda elettorale permanente.
Un atto che dimostra, ancora una volta, il ruolo di ‘azienda di tutti i cittadini bresciani’ che l’Asm svolge da oltre un secolo e che la quotazione in Borsa ha ulteriormente valorizzato, quotazione che non solo i cittadini bresciani hanno pienamente compreso nelle sue finalità – ovvero rafforzare l’azienda per competere su mercati sempre più concorrenziali mantenendo al contempo il suo forte radicamento bresciano – ma che ha visto l’altissima ed entusiasta partecipazione dei cittadini bresciani alla pubblica offerta. Il ‘dividendo straordinario’ dell’Asm si aggiunge così ai servizi che già l’Asm svolge egregiamente a vantaggio della comunità e, attraverso di esso, si ridistribuisce in qualche modo alla cittadinanza – in termini di servizi, di interventi per la sicurezza, di riqualificazione di porzioni della città, di abbattimento delle tasse – i risultati della buona gestione dell’azienda.
La scelte di impiego del ‘dividendo straordinario’ compiute dalla maggioranza a Palazzo Loggia sono state improntate alla saggia e oculata gestione che deve guidare l’azione di ogni pubblico amministrazione: scelte a vantaggio delle generazioni future, a beneficio dell’intera comunità, che renderanno ancora più solido il bilancio del Comune di Brescia.
Lungimirante e illuminata la scelta di abbattere la metà dei mutui contratti dal Comune, scelta che consentirà considerevoli risparmi e che, indirettamente, porterà ulteriori benefici a favore della comunità in termini di consolidamento e miglioramento dei servizi
Da sottolineare è anche la scelta eliminare il Cosap – Canone occupazione suolo e aree pubbliche – sui passi carrabili, le luci cantina, gli scantinati, le intercapedini, i ponticelli: il centro sinistra le tasse le elimina veramente, altri promettono di abbassarle – promettono – ma di risultati tangibili, di benefici concreti, i cittadini italiani non ne hanno ancora visto uno.
Possiamo fare qualche altro esempio? Il Comune di Brescia ha le aliquote ICI tra le più basse in Italia, così come le tariffe per i rifiuti, ed è tra le poche città capoluogo di provincia che non ha introdotto l’addizionale Irpef. Fatti concreti, non chiacchiere.
Ancora: una fetta importante del dividendo straordinario Asm – pari a 18 miliardi di vecchie lire – verrà utilizzata per progetti finalizzati alla sicurezza del cittadino – in particolare per l’estensione dei sistemi di videosorveglianza e per gli incentivi a favore degli operatori economici finalizzati all’installazione di sistemi di sicurezza – per opere di manutenzione di scuole, marciapiedi, strade, cimiteri, con particolare attenzione all’abbattimento delle barriere architettoniche residuali.
Meritano di essere evidenziati gli 11 miliardi destinati al Piano di Recupero del Carmine, e finalizzati all’acquisizione e al risanamento di interi edifici - la sicurezza al Carmine passa anche attraverso la riqualificazione e il recupero di interi caseggiati e di spazi pubblici - e gli interventi a favore della qualità dell’ambiente. Penso in particolare ai 2 miliardi stanziati per finanziare gli studi sul suolo e le falde della città, che comprendono anche i fenomeni legati al Pcb.
Giova qui ricordare la totale insufficienza dei fondi stanziati dal Governo per i siti inquinati da bonificare: stanziare 100 miliardi di vecchie lire per 49 siti nazionali significa che a Brescia di soldi non ne arriveranno, o arriveranno in misura irrisoria. Il Governo in questo senso, e con esso taluni parlamentari del Polo delle Libertà eccessivamente ciarlieri, ha venduto solo un po’ di fumo, cercando di mascherare un provvedimento totalmente insufficiente.
Per concludere: mi sembrano totalmente pretestuose, oltre che per alcuni versi offensive, le polemiche sollevate da qualcuno – come il collega Cibaldi. Quelle sì mi sembrano da ascrivere alla propaganda elettorale che il centro destra ha da tempo avviato nella nostra città. La variazione di bilancio che oggi andiamo ad approvare testimonia senza ombra di smentite le mie affermazioni: altri, in questa città, raccontano sistematicamente bugie per raccattare qualche facile consenso. Da parte nostra, questi sono i fatti, concreti, gli interventi, concreti, i progetti, concreti, che intendiamo attuare attraverso il dividendo straordinario Asm e sottoporre al giudizio della cittadinanza. Interventi, ne sono certo, che la nostra comunità saprà apprezzare, distinguendo tra quanti – come noi – si sforzano e si impegnano per bene governare la città e quanti – come il centro destra – agitano polemiche fini a se stesse al puro scopo di generare confusione e di mettere in circolazione bugie. Che come tutti sanno hanno le gambe corte.
Grazie